Thailandia: come organizzare il viaggio?

Il 2015 è l’anno in cui tutto accade anche quando meno te lo aspetti, sta diventando sempre di più l’anno in cui cresco, in cui le figlie crescono, in cui il lavoro diventa sempre di più importante, l’anno in cui ho conosciuto tante persone, persone non casuali, ma unite dalla passione della cucina e che, inevitabilmente mi hanno fatto riscoprire il piacere di cucinare, di scrivere e di raccontare il mio mondo.
Il 2015 è l’anno in cui le bloggalline sono entrate nella mia vita, sia privata che professionale, e con alcune di loro ho stretto un rapporto speciale, bello, sincero, e proprio con una di loro stiamo, la mia famiglia ed io, organizzando un viaggio.
Come sia possibile tutto questo solo dopo 7 mesi ancora non me lo spiego, ma penso anche che non sia necessario sempre farsi delle domande, voglio vivere le cose così come vengono, perché negarsi la bellezza della scoperta?

Insomma, la mia famiglia, inclusa Manuela la nonna paterna delle polpette e la famiglia di Vatinee di A Thai Pianist, andrà in Thailandia!

Posto nuovo, tante ore di volo, persone nuove, tante ore di volo, cultura completamente differente, tante ore di volo, nuovi profumi, tante ore di volo.

Sia chiaro, non sono preoccupata per me, ci sono “abituata” a volare, ma per Agata e Maria e Manuela sarà la prima volta, un po’ di preoccupazione credo sia normale, no?
È già passato un mese da quando abbiamo preso questa decisione e una settimana fa abbiamo prenotato il volo A/R per Bangkok, fatto una prenotazione per dei bungalow al mare e stilato un piano di viaggio, ma non crediate che sia così semplice, per questo voglio raccontarvi come sono state prese le decisioni, a partire dal programma e dalle tappe di viaggio.

Io e Daniele, che da oggi potremmo chiamare Il Programmatore siamo dei viaggiatori simili a maratoneti, ci piace vedere tante cose, ottimizzare i tempi ma sopratutto ottimizzare i viaggi perché siamo dell’idea di non ritornare mai due volte nello stesso posto non prima di averne visti molti altri.

Questo ragionamento è ottimo dal mio punto di vista, rende le vacanze sempre nuove, dinamiche e riesci a vedere tutto quello che ti incuriosisce, ma il problema principale di questo viaggio, o almeno posso considerarlo problema solo in una fase iniziale, è stata la scelta delle tappe intermedie.

Il Programmatore ha sete di vedere, vuole dare una vera immagine a tutte le cose che legge online e quindi ha stilato un itinerario meraviglioso ma dopo lunghe e svariate discussioni in cui io lo guardavo in cagnesco e sbattevo pentole mentre preparavo la cena ha visto il suo accantonamento quando Vaty ha mosso le mie stesse perplessità…

jzfbf3
La scelta del numero delle tappe interne al viaggio devono poter variare a seconda delle necessità, in due fai cose che in 8 non puoi fare specialmente se dovrai affrontare un clima molto caldo e umido con 3 bambine di 4 e 6 anni, per questo i progetti hanno sempre svariate brutte copie, questa è la nostra brutta copia elaborata da Il Programmatore in versione Furio.

Premesse.

Ho considerato il problema clima, e il fatto che ci sono alcuni posti dove ad agosto il mare non è praticabile

Ho considerato il costo per arrivare alla località di mare

Ho considerato eventuali cose da vedere lungo il tragitto

Ho considerato i costi medi nelle località di mare

La proposta è questa:

– Bangkok, Ayutthaya escursione di un giorno;

– trasferimento via terra a Angkor Wat, visita ad Angkor wat, trasferimento verso Phnom Phen, pernottamento;

– trasferimento verso Saigon, volo per Nha Trang;

– Mare, volo per Hanoi più visita e poi minicrociera a Halong;

– volo per bangkok;

– rientro in Italia

Dopo svariate modifiche stiamo ancora cercando il nostro viaggio, quel viaggio che riesce ad accontentare tutti, che accontenti me che voglio fare mare, che accontenti Il Programmatore che ha sete di conoscenza, che accontenti i nostri compagni di viaggio che quei posti li hanno visti e rivisti ma con noi non l’hanno fatto mai,   che faccia stare bene i figli e che non li stressi perché se i figli si innervosiscono, si innervosiscono i genitori e allora l’ingranaggio si inceppa, insomma, tanto entusiasmo, tante idee, tante cose da decidere, ma il viaggio prendere forma, giorno per giorno e io non vedo l’ora di viverlo a pieno!

Tags from the story
More from Mandolina

L’ABC della merenda: quando lo spuntino diventa sano

In questi giorni in molti corrono, come il bianconiglio, online alla ricerca...
Read More

6 Comments

  • mamma mia, Ale, ho letto le prime frasi e mi stavo commovendo.. tu sei cosi spontanea e solare e credo anch’io che tra le cose troppo belle che potevano accaderci eri proprio tu!! io non vedo ora tesoro, non vedo ora! quando non ti sento per un giorno, quasi divento triste! ieri volevo chiamarti ma poi ho detto: vaty, è il suo compleanno , lasciala in pace con la sua famiglia, la chiami domani!!
    e infatti oggi subito, ho provato a richiamarti! perchè quando parlo con te, vedo #solocosebelle!!! #solocosebelle sei tu, e daniele e tutti voi che ci avete accolto a braccia aperte! e io non vedo ora di accoglierti nella mia terra, a casa mia (anche se il PROGRAMMATORE ne sa più di me!).
    poi mi hai fatto svenire.. ANGKORWAT via terra. WAZZZ?? stavo svenendo 😀

    • ahahahah!! Prima cosa tu chiama quando vuoi, se non sto con la musica a palla nelle orecchie rispondo sempre! 😀 e poi… boh io non ho più parole per descrivere tutto questo, scriverò ogni cambiamento di programma, ogni proposta, ogni tappa, dubbio perplessità perché me lo voglio tenere stretto ‘sto viaggio sin dalla programmazione a tavolino! Non vedo l’ora vatyyyyyyyyy :*:*:* amore lei

  • Aleeeeeeeeeeeeeeeeeeee sei figherrima e con il top delle top ti berrai ogni singolo istante oltre a scrofanarti qualsiasi cosa dopo solo due giorni di “finta” schizzosaggine. Lì il cibo è buono DA PAURA! e poi ti rilassi, godi della gentilezza, merce rarissima ormai qui nel continente. E sarete legati per sempre da un’esperienza unica. Poi Pittore è il mio mito 🙂 buon viaggio amiche

    • voglio fare proprio diario di viaggio per lasciarlo scritto in rete tutto quello che c’è, ma più che altro tutto quello che non si vede! Non vedo l’ora di vedere le figlie che giocano insieme e noi spaparanzati con un cocktail in spiaggia..mamma mia Mò!!!! Grazie tesoro :*

  • Siccome io sono quella che sbava davanti i reportage di viaggi delle mie compagne blogger..voglio sbavare anche davanti le tue, quindi buon viaggio e pensa a me…che non ne faccio mai e che voglio vedere tutto, dai bellissimi paesaggi, le statue, i colori i sapori..e pure le mosche , la puzza, gli stracci tutto quello che trovi in questo paese fichissimo!
    😀
    Non vedo l’ora di seguirvi in diretta web!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *